13 nov 2010

No title

 Io volevo solo una vita senza disincanto.
 Invece piango risate in pubblico e rido lacrime in privato.
 Non bisognerebbe mai dimenticare come si cade.
 Non bisognerebbe.

39 commenti:

  1. Arrivo con qualche cerotto.. bentrovata cara Cleide.

    RispondiElimina
  2. Arrivo con dei biscotti, tesoro.
    E del the caldo.

    RispondiElimina
  3. Gians..più che dei cerotti mi servirebbe uno strizzacervelli. Ma sai che ridere se a strizzare non ne viene fuori niente? ;)

    Gramigna..con il the ho qualche problema.Niente scalda meglio l'anima di un cappuccino fatto ad arte;)

    RispondiElimina
  4. uhm, interessante. non bisogna dimenticare come si cade... sono caduta una volta, perchè ero intontita di sonno e mi sono lesionata il coccige portando il cane di mia madre a fare la pipì di mattina prestissimo. non ti dico le risate della gente e dei miei colleghi quando andavo in giro con la ciambella da mettere sotto il sedere. :-/ durò 6 mesi, la tortura. da allora quel cane, per me, può morire annegato nella sua pipì... :-D

    RispondiElimina
  5. Tesoro, cappuccino sia.
    Ma tu, per me, non sarai mai di cera, mai.

    RispondiElimina
  6. Tu scrivi e questo è già un incanto.
    Senza disincanto è grigia la vita.
    Ricordarsi come si cade... cadere poco, senza cadute è noia. Ricordo la prima volta che caddi, sapevo che stavo cadendo...
    Ma le lacrime e le risate si accumulano dentro l'orlo dell'anima. Traboccano.
    Fermarsi? Fermarle?
    E' ancora presto.
    Un punto all'orizzonte sembra lontano ma più ti avvicini, più si allontana, cambia.
    Non so come ieri alla radio del notiziario locale pubblicizzavano uno spettacolo di cabaret avente per titolo: aspettando Caronte...
    Spero solo che arrivi il più tardi possibile.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  7. cose che capitano quando l'amore ha talmente allargato il cuore che oltre al cuore dell'amato può contenere tanta tenerezza da goccilare in lacrime di gioia.Non inciampare nel nulla ma solo nella luce del bello.

    RispondiElimina
  8. Non bisognerebbe ma si dimentica, eh se si dimentica..

    RispondiElimina
  9. Ho come l'impressione....... del contrario!:-)
    Volevo una vita piena d'incanti e ridere in pubblico e piangere in privato...
    Solo le cadute, dimenticarle non dimenticarle.... quelle si che sono un dubbio!
    Direi che si dovrebbe ricordare il motivo per cui si è caduti..... poi la caduta in se... serve solo per imparare a camminare sicuri!
    Ps
    perchè su fb hai messo l'inizio di un'altro post? che fine ha fatto quel post?

    RispondiElimina
  10. Secondo me si dimentica o meglio io dimentico come sono caduta ho tanti buchi nel sedere dovuti alle pietre appuntite che trovo sull'asfalto mentre mi adagio nella caduta che vorranno pure dire qualcosa. Ne ho cosi' tanti che mi racconto che sono piccoli morbidi buchini di cellulite :)ma in realtà sono solo le mie cadute costanti. Però mi rialzo in fretta, poi di nuovo a terra. Di continuo.
    Almeno mi tengo in allenameno altrimenti come ben dice Arial sai che noia. Sono cosi' allenata che ora pratico anche la corsa ad ostacoli.
    :D

    RispondiElimina
  11. si fa finta di dimenticare per sopravvivere, in realtà non si dimentica mai. semplicemente si smette di ricordare

    RispondiElimina
  12. E se mettessi un No comment al tuo No title? :-)
    Piango risate in pubblico: questa me la segno e la mando a Guccini.
    L'ultimo pensiero della giornata è che se scrivo un'altra riga il mio No comment diventa più lungo del tuo No Post. Secondo sorriso.

    RispondiElimina
  13. Bentornata :-)
    "La vita può mandarci al tappeto, ma noi ci rialziamo"
    http://www.youtube.com/watch?v=rUFJiQG4Y34&feature=player_embedded

    Alex
    http://artimarziali.blog.tiscali.it/

    RispondiElimina
  14. piangere risate in pubblico
    ridere lacrime in privato..

    essere sempre costretti a fare qualcosa che non è prettamente nostro.
    si vorrebbe piangere e si è costretti a ridere (e allora quelle risate diventano le nostre vere lacrime)
    si vorrebbe ridere e invece ci si ritrova a piangere da soli (ma quelle lacrime sono per noi liberazione e gioia)

    sembrerebbe controverso, ma è la realtà più reale che ci sia, l'importante forse è non smettere mai di sapere cosa vogliamo realmente.. e provare sempre a rialzarci, soprattutto quando crediamo di essere troppo a terra per farlo
    un saluto

    RispondiElimina
  15. Nel corso della vita ci insegnano a proteggerci dai pericoli ma dovrebbero insegnarci a proteggerci da noi stessi.
    Un saluto a tutti
    :)

    RispondiElimina
  16. Si... lo penso anche io, mai dimenticare la caduta....

    RispondiElimina
  17. Cleide, se non cadiamo, non impariamo e non cresciamo. Troviamo l'amore vero solo quando abbiamo abbastanza lividi sul cuore da poter capire e decidere cosa è giusto e cosa no. Troviamo gli amici veri solo dopo essere caduti per colpa di amici falsi, solo così li possiamo distinguere. Fa un male assurdo, cadere, ma fa davvero bene sapere che, quando ci saremo tirati su, sapremo essere migliori e più forti, almeno, lo speriamo. un abbraccio. :-)

    RispondiElimina
  18. Cleide, regalati un sorriso, io te ne regalo uno :-)
    http://artimarziali.blog.tiscali.it

    RispondiElimina
  19. ♟ ♘




    Scacco matto :-))

    Buona domenica

    RispondiElimina
  20. no non bisogna dimenticare... pare che chi non ricorda le sue cadute viva più spensierato.. ma io credo che sia soltanto meno consapevole di sè.
    certo che con questi ossimori però non si capisce in effetti cosa fai in pubblico e cosa in privato... suppongo solo

    RispondiElimina
  21. Ciao amica mia!
    Che fai di bello?
    E' un pò che non ti sento!

    RispondiElimina
  22. cleide..
    preferisco anticipare piuttosto che non fare in tempo, quindi....
    BUON NATALE

    RispondiElimina
  23. Hai mangiato il panettone? Hai da fare a capodanno? Due interrogativi ma una certezza che sono felice di conoscerti:-)
    Un abbraccio
    Rob

    RispondiElimina
  24. Buone feste e l'augurio di un Grande 2011
    Alex
    http://artimarziali.blog.tiscali.it

    RispondiElimina
  25. ( `•.¸
    `•.¸ )
    ¸.•)´
    (.•´`*
    *.*´¨)
    .•´,•*´¨)¸.•*¨)
    ¸.•´¸.•*´¨)
    (¸.•´ (¸.•` * ¸.•´¸.•*´¨)
    ……\~~~~~/…..\~~~~~/
    …….\~~~~/…….\~~~~/
    ……..\~~~/………\~~~/

    ………\~~/………..\~~/
    ……….\~/………….\~/
    ………..||…………….||
    ………..||…………….||
    ………..||…………….||
    ……./****\……../****\


    Un brindisi per il nuovo anno che verrà,e uno anche per la nostra Amica in comune......dato che non ho la chiave per entrare :-)
    Roberto

    RispondiElimina
  26. :-) Auguri? Si? No? Non lo so? Vabbè, lascio l'impronta perchè son passata... :-) un abbraccio con la speranza di leggerti di nuovo prestissimo.

    RispondiElimina
  27. uhm sempre questo post triste....
    beh... auguri di buon 2011 lo stesso e non si sa mai che le cose cambino e in meglio

    RispondiElimina
  28. Forse mi fumo sigarette condite ma francamente queste frasi le leggo positive. Leggo una persona che non dimentica e fa tesoro delle proprie cadute. Punti di vista ma c'è sempre qualche sfumatura di colore più chiaro anche nel nero...
    Ti prometto che farò meno uso di maggiorana. ;) :D

    RispondiElimina
  29. Passo per un saluto. Ciao cara Cleide.

    RispondiElimina
  30. ma l'importante è rialzarsi! Sempre.

    RispondiElimina
  31. stammi bene... :-)

    RispondiElimina
  32. Ciao cleide ... se x caso hai modo di sentire Celia Canchez me la puoi salutare ? grazie mille ... dgspalinuro

    RispondiElimina
  33. io ho imparato a cadere, a curarmi i lividi e a non strillare troppo forte :)

    RispondiElimina
  34. bella riflessione. No, non bisognerebbe.

    RispondiElimina