08 giu 2009

Another brick in the wall


Il risveglio del mattino è un incognita. Ci sono giorni in cui tutto si svela. Un film perfetto dove non hai alcun dubbio che il senso dell’immagine che ti scorre davanti sia quello che hai colto. Dove ogni cosa prende posto nel suo assetto naturale. Dove persino le motivazioni hanno una base e un’altezza. Ma ce ne sono altri che sono l’egemonia del caos e del sovvertimento. Ma ci sono anche quelli dei progetti strampalati e dei vagheggiamenti improbabili ma accattivanti che azzerano le incertezze e le controindicazioni. E questi confondono gli altri per eccesso. Non sono mai stata saggia nei confronti della mia vita e neppure lungimirante. Ho smesso di fare sforzi inauditi per dimostrare qualcosa al mondo. Forse ho anche smesso di rimanerci male quando i dritti ti dicono che sei storta. Vogliono solo amputarti le aspettative e mettere un chiavistello ai tuoi varchi e lo fanno tanto per. Di te non gliene frega nulla. E se lo sai, sei già più avanti perché sai reggere lo sguardo della realtà. Sai reggere il tuo sguardo allo specchio. E hai imparato a spostare il tuo sguardo dal loro.

35 commenti:

  1. Nell'opera rock concettuale The wall il protagonista Pink però alla fine si alienava costrendo un muro di alienazione definitiva tra sè e gli altri, insomma si arrendeva di fronte al mondo che non capiva e che a sua volta non capiva lui..il tuo post tutto sommato mi sembra invece molto positivo, belle parole e bello pure il concetto, qualsiasi esso sia..

    :-)

    RispondiElimina
  2. Mii stavo per scrivere lo stesso concetto del commento di Folletti pero' sicuramente non l'avrei scritto cosi bene eheheh..il tuo post io lo vedo positivo,non vedo una persona che si vuole chiudere in se stessa anzi...quella frase "di te non gliene frega nulla" tienla bene in mente ogni volta che qualcuno ti guarda e cerca di ammollarti qualche bastone tra le ruote,io sto imparando pian piano a farlo..ricordi quel film di Sordi "il marchese del Grillo" dove lui ad un certo punto sivolta e fa:"mi spiace..ma io so' io e voi nun siete un cazzo!" be' sai ogni tanto questa frase va "coltivata" :)) spero di essermi spiegata boh...grazie per gli auguri :) ma a te quei calzettoni lasciavano quel segno indelebile per ore sulle gambette?:))

    RispondiElimina
  3. Se ti alzi la mattina e specchiandoti tieni il tuo sguardo,ti rendi conto che il tuo mondo lo stai dirigendo nel modo giusto...se quello deli altri crea un muro ...beh...tu stai con chi è dalla tua parte del muro stesso...gli altri non hanno senso...ciao

    RispondiElimina
  4. Cleide, non vorrei che tu abbia cambiato post per via dell'ultimo mio commento, se è così, mi scuso.
    Vorrei commentare più la foto che lo scritto. Si, la foto del post intendo.
    quel muro che girando l'angolo trova un cuore. Un cuore che si nasconde dietro un muro o semplicemente dietro l'angolo. Il tuo non è così. Il tuo non si nasconde, nè crea un muro. Hai apertamente PARTECIPATO ALLA VITA CON IL TUO NO. con il tuo volto e senza cercare delle vie d'uscita comode o arrivando ai piani alti.
    Tutti quanti cerchiamo di arrivare ai piani alti, senza riuscirci se non con scorciatoie comode.Ho molta amarezza e preoccupazione ultimamente. Ma non mi scoraggio.
    Dimmi di te.
    Anzi devo ancora rispondere a quella tua domanda: come va?
    Scrivimi.

    RispondiElimina
  5. Cara Cleide, c'è un passaggio che più di altri mi coinvolgono. L'hai scritto come meglio non potrei, quando dici: "Ho smesso di fare sforzi inauditi per dimostrare qualcosa al mondo." sono talmente d'accordo che la mia esausta forza nel sottolinea questo passaggio, non è che voglia portare le sette fatiche mie al visibilio pubblico, ma almeno sottolineare lo sforzo incessante di chi non riesce a guardarsi allo specchio se almeno una volta al giorno ha tenuto a esprimere le proprie ragioni. ;)

    RispondiElimina
  6. Ma scusa, hai mai pensato di scrivere poesie? So che penserai che ti sto prendendo in giro, ma sono serio. Hai un fraseggiare che ricorda lo scrivere in versi.
    Ecco cosa segnalo alla tua attenzione:
    assetto naturale, le motivazioni che hanno una base e un'altezza, l'egemonia del caos e del sovvertimento, vagheggiamenti improbabili ma accattivanti, azzerano le incertezze, confondono gli altri per eccesso, amputarti le aspettative e mettere un chiavistello ai tuoi varchi. Senza scordare che il saper reggere il tuo sguardo allo specchio.
    Io la strada te l'ho indicata, tu fa come vuoi. Firmato
    Capitano Mio Capitano

    RispondiElimina
  7. Folletti..touchè. Ma esiste un varco ed è quel cuore disegnato accanto al muro. Forse quello farà la differenza alla fine.:)

    Zagara..idem come sopra.
    Quei calzettoni erano terribili. Quelli, insieme alle maglie di lana, mi hanno segnata a vita. Non sopporto nessun indumento che mi si stringa addosso. La verità è che sono molte le cose che non sopporto.:)

    Giovanni..spero sia come dici, anche perchè sarei incapace di fare diversamente.:)

    Gians..non avevo dubbi.Mi riferisco all'ultima parte del tuo commento.:)

    Arial..l'unico piano alto a cui ambisco è la mia integrità.
    Ti ho scritto. Ora dimmi tu.:)

    Capitano..l'unica volta che scrissi dei versi, li lanciai dentro un finestrino di un treno in corsa.))
    L'hai sparata grossa. Forse è meglio che continui a prendermi in giro.:)

    RispondiElimina
  8. L'importante è avere uno sguardo,
    attento, ficcante, sensato.
    I dritti lo sono nel loro sistema cartesiano,
    ma il mondo non è piatto a due dimensioni,
    la terza dimensione,
    la fantasia,
    non la conoscono.
    Un saluto.

    RispondiElimina
  9. che bello il rosso di questo muro, ogni tanto passo a guardarlo. Quasi quasi mi faccio dare una mano di pittura rossa pure io.

    RispondiElimina
  10. Insopportabile..quoto la terza dimensione, ma bisognerebbe usarla con cautela. :)

    Capitano..non ti bastano già i capelli? :)

    RispondiElimina
  11. Se hai imparato a spostare il tuo sguardo dal loro ...
    Se io imparo a spostare il mio sguardo dal loro...
    Ma poi noi due ci guardiamo almeno? :) Scusami per la scemenza, avevo un commentone pronto, il tuo post mi piace molto per mille motivi, ho colto cose :) ma Laura mi ha distratto colpa sua ... per la verita'chiede dove si ordina il tuo libro di poesie. Vai tu a spiegarle che era una battuta del Capitano. Che poi secondo me proprio una battuta non è.
    Laura ti saluta.
    :) Ho messo troppe faccine ci dovrebbero essere i commenti audio, chiediamo a Lian di inventarli per blogspot. Arifaccina.

    RispondiElimina
  12. .. questo post è davvero intenso e bellissimo..

    Conciso ed essenziale eppure racchiude grandissime verità..

    Mi è piaciuto tanto tanto e concordo molto sull'importanza di smetterla di dover dimostrare le cose agli altri: dobbiamo fare le cose per il nostro bene, non per l'altrui compiacimento!

    RispondiElimina
  13. Nello svelarsi anche le incertezze i dubbi hanno il loro senso.Senza domande o incertezze quali sorprese potremmo mai avere nel risvegliarci alla mattina? Dietro il muro un cuore grande e rosso...bello!

    RispondiElimina
  14. ... ciò che ci pare di voler dimostrare al mondo in realtà lo dimostriamo a noi stessi... è che a volte ci sdoppiamo allo scopo di farci guerra da noi...
    Cle notizie di Cel?
    Celia il tuo blog attivo o meno deve rimanere (faidi bia!!!)
    Scusa Cle, ma nell'immediato ho aproffittato del tuo spazio...
    Un bacio, M.

    RispondiElimina
  15. Lo so che mi odierai per quello che sto per scrivere ma è la verità, io leggendo il tuo posto ho pensato esattamente ciò che ha pensato il Capitano, secondo me dentro di te c'è molta più poesia di quanto immagini. Rileggendo le frasi segnalate dal Capitano sembrava davvero di leggere dei versi molto ricchi di significati anche se scomposti. Pensaci! Cara comare mia sono appena tornata da un viaggio lungo e stancante ma mi piacerebbe rivederti presto.
    Un abbraccio forte dalla tua comaredda vento

    RispondiElimina
  16. io non c'e' giorno che non pensi a ciò che gli altri possano pensare . mannaggia a me..

    RispondiElimina
  17. Sanchez..tu cogli e cogli bene.Un motivo per non distogliere il mio sguardo da tuo. Sembra una dichiarazione d'amore detta così. A scanso di equivoci dico che siamo etero ed entrambe felicemente accompagnate. :)

    Laura..dì a tua sorella che tolga quel libro da sotto il letto.:)

    Balua..sono su quelle linea, ma sarai d'accordo con me che il giudizio altrui, dipiù se non richiesto, se non ci condizione comunque ci fa girare le scatole.:)

    Elle..il cuore in ogni cosa, anche se strampalata.:)

    Angel..e allora vada per un armistizio ogni tanto.
    Ma scusa, non la senti Sanchez nell'aria? Io sento odore di polvere da sparo.))

    Vento..hai detto bene. Scomposti. Tu e il capitano invece ricomponetevi.)) Ci vediamo la prossima settimana.

    RispondiElimina
  18. Fanta..tu, proprio tu? Stento a crederci.:)

    RispondiElimina
  19. Che dirti mia bella Clè?
    STAMPO E INCORNICIO!
    come sempre....

    RispondiElimina
  20. Ciao Cleide volevo solo salutarti :DD come stai? Sai che pure a me dicono che sono storta? E come si fa a non dar retta? Pure la sorella me lo dice, il bue dice cornuto all'asino ^_^. Dille di piazzare la tenda che non fa altro che mettere i post e togliere i post, tipo dai la cera e togli la cera. Mi' che sta entrando nella stanza aiutoooooo :)

    RispondiElimina
  21. grazie amica.. mamma che stress.. forse questo week end torno in barbagia a ricaricare un po' le pile che sono davvero scariche..speriamo di trasformarle in duracell a prova di fatica..
    basu mannu..e a presto!!

    RispondiElimina
  22. Tagliavini... che bello aver condiviso gli stessi studi e che nostalgia delle aule universitarie
    (Fanta... dovevi fare Lettere!!!)
    Baci, M.
    p.s.:
    Sanchez è nell'aria... la introduciamo con uno spot... est prus in ritardu de Gheddafi!!!

    RispondiElimina
  23. Angel..la differenza tra Gheddaffi e Celia è che il primo non ha avuto dubbi su dove piantare la tenda, la seconda sta ancora scegliendo la tenda.:)
    Quel manuale l'ho detestato all'inizio. Ora è tra i miei libri più preziosi.

    Fanta..se non è energizzante l'aria che respira dalle tue parti.))

    Laura..ma il bue? Sta ancora lucidando? :)

    Hope..arieccotela!
    Tu entrerai nei guiness prima o poi. Non è il caso che spieghi no?.)

    RispondiElimina
  24. Sono certo che domani all'alba potrò lasciarti un commento molto più lucido di questo, i buoni propositi si sà, vanno espressi al mattino. :)

    RispondiElimina
  25. E perchè mai dovremmo dimostrare qualcosa al mondo? Il mondo se ne frega di noi e noi ce ne freghiamo di lui, salvo i casi in cui può interessarci intervenire. Lascia volare la fantasia dove e come ti pare, fai tutti i progetti che vuoi, anche quelli impossibili. Dici che non ci riesci? che non sarebbero realizzabili? comunque prova. A volte anche le cose apparentemnte impossibili diventano in un batter d'occhio semplici ed attuabili.
    A proposito, poi l'hai presa la patente?
    Un sorriso :-)))

    RispondiElimina
  26. In fondo non siamo che un altro mattone nel muro. A dire il vero ho in testa diverse figure geometriche che potrebbero rappresentare i miei patetici pensieri, dal muro appunto, al cono che restringe il punto di vista fino ad annullarlo, eccetera eccetera. Ma quello che volevo dire è tutt'altro e purtroppo l'ho dimenticato, succede..

    RispondiElimina
  27. Emiliano "Lian"14 giugno 2009 20:35

    Un incognita? Non ti ci mettere anche tu per favore, che già ne abbiamo tanti! :-)
    Già, hai mai pensato a scrivere poesie? Persino mia madre oggi ha vinto una coppa! Con una poesia in romanesco. È una cosa di famiglia: ricordi "'A lupa e l'aquila"? Scherzo, la mia non era una poesia ma era un'offesa in rima ai presuntuosi. Sul serio provaci.
    Risposta al tuo commento da Celia: che file intendi? mp3? Ne ho caricato un altro, fatti inoltrare da Celia l'email con il link e fatti due risate. :-)

    RispondiElimina
  28. Bella Clè!
    Avrai notato che lo spunto me lo hai dato tu?
    :-))
    Ti rileggevo stamattina, tornando indietro per vedere i passi avanti.

    L'OTTIMISMO?
    Una panacea di tutti i mali?
    Preferisco la PARANZA :-DD

    RispondiElimina
  29. Cara Cleide, la tua fase positiva continua in modo inesorabile ed entusiasmante, e dona gioia. La gioia di vedere che le cose possono cambiare se si ha la costanza di insistere di non mollare! "Dove ogni cosa prende posto nel suo assetto naturale" è proprio così: ogni cosa prende il suo posto in modo naturale se si ha il coraggio di insistere di non mollare, di non lasciarsi vincere dalle apparenze, dalle paure di dover essere, quello che tutti vogliono che siamo; se si ha il coraggio di tentare di essere se stessi così come ne siamo capaci, e certamente lo siamo perchè così siamo fatti! Cara Cleide molto bello quello che dici e grazie per avercelo comunicato.

    Ciao.
    berardo

    PS
    Hai visto che bravo il Capitano? Già che stupido che sono ...tu lo sai già da tempo!!

    RispondiElimina
  30. ... che bella la nuova presentazione dei link, grazie!!!
    Passi a dire la tua?
    Intanto devo approfittare del tuo spazio per rispondere a Cel (protesta con lei!)... Capisco non aver voglia di scrivere, ma togliere il blog, non ci permette neanche di scriverti... (meglio così dirai...)... L'unica cosa che ho fumabile in casa è camomilla, the e tisane... Oggi mi ipira la tisana alla rosa canina... che dici, me la fumo... l'esito alla prossima immagine... Baci Cle, Baci Cel... tanto ormai siete marita e moglio...

    RispondiElimina
  31. è il testo di una persona che scrive bene e che ha imparato a difendersi..
    non posso che complimentarmi
    per forma, contenuto, e forza...
    un saluto...

    RispondiElimina
  32. Gians..ecco il trucco e l'inganno. Io li esprimo la notte e il mattino mi sono già passati.))

    Sergio..io e la patente siamo incompatibili. Conosco il manuale quasi come le mie tasche, ma guidare una macchina forse non è per me. magari mi sto spaccando la testa prima di rompermela.))

    Alessandro..il cono proprio no, direi che sarebbe terribile.))

    Emiliano..il file con te che canti intendevo.))

    Hope..te l'ho detto cosa penso dell'ottimisto. Non lo scrivo qui che ho una reputazione da difendere.))

    Bera..beh non è che sia proprio una fase positiva, ma se è positivo arrendersi all'evidenza di quelli che si è, che ci piaccia o meno, allora si.))

    Angel..certo che secondo la tisana che ti fumi per forza che escono fuori quei collage.))

    1Fruscio.. pubblichi delle splendide foto di una terra che amo molto. E grazie.))

    RispondiElimina
  33. il mattino non fa che rispecchiare quello che sentiamo con il risveglio.
    speranza e disicanto si alternano.
    lucidità e caos pure.
    e noi in fila a loro.

    ciao cara

    RispondiElimina
  34. ma che bel muro rosso, sembra quasi una cabina telefonica inglese. Ti dispiace se lascio un commento anche se non ho cose memorabili da dire? In effetti potrei dirti che un paio di notti fa, mentre mi alzavo dal letto per chiudere le finestre attaccate dal temporale, ho rivissuto il romanzo della mia vita. Sorriso.

    RispondiElimina
  35. A Cleideeeeeeeee!!! Ce sta la tua tavola sur blogghe! ;-)))

    RispondiElimina